Con l'arrivo dell'autunno i castagni lasciano cadere i loro ricci pregiati a terra, è tempo di raccolta. Il Marrone della Val di Susa è presente e radicato in queste terre da diversi secoli e con la sua dolce croccantezza e la sua pasta bianca è diventato un prodotto imperdibile di queste terre. Cuocile a brusatà e goditi tutto il loro sapore!

Le varietà dei marroni presenti in Val di Susa sono state probabilmente importate dai monaci fiorentini che, intorno al XIII secolo d.C., fondarono nuovi monasteri sulle nostre montagne. Nella bassa valle di Susa troviamo castagneti nei comuni di Villar Focchiardo, San Giorio di Susa, Bussoleno, Mattie, Venaus, Novalesa e Vaie. Le ceppaie più antiche  si trovano nella località di Boarda, tra Villar Focchiardo e San Giorio, dove, verso la fine dell’anno 1200, l’Ordine dei Templari possedeva il castagneto più grande della Valle di Susa, il Castagneretum di Templeris“.

Il periodo di raccolta dei frutti inizia a maturazione, quando questi cadono naturalmente a terra, solitamente da settembre a metà novembre.  La maggior parte dei marroni viene venduto fresco direttamente dai produttori. Le sue caratteristiche tipiche sono il colore latteo e la croccantezza della polpa, sapore dolce e profumato e pezzatura medio grossa.
Vengono consumati arrostite “a brusatà”, bollite “ballotte” o ancora  sotto grappa o marron glaceé.

Le Sagre e gli eventi dedicati

58° SAGRA DEL MARRONE DI VILLARFOCCHIARDO

Villar Focchiardo (TO) 

Sagra del Marrone e mostramercato:  ristorazione con menù completo a base di marroni, distribuzione “brusatà”, musica itinerante ,distribuzione dolci a base di marroni,  concerto

DATA:  Da Venerdì 18 a Domenica 20 Ottobre 2019

La più antica sagra a livello nazionale dedicata al  Marrone si tiene a Villar Focchiardo.

Risale al Dopoguerra a conferma di un paese che vive in simbiosi con i castagneti che lo circondano. Il tutto organizzato dalla Pro loco in collaborazione con il  Comune e con le associazioni locali.

In occasione della Sagra i villarfocchiardesi si  contendono la palma del Miglior Produttore con la gara del peso: ogni coltivatore infatti presenta i suoi 50 frutti di maggior pezzatura e viene incoronato Miglior  Produttore dell’anno colui che fa registrare il peso più alto in assoluto.

Alquanto prestigioso, non solo per il valore economico, è il “Marrone d’Oro” che ogni anno viene conferito dalla ditta Cavargna, la più antica famiglia di raccoglitori all’ingrosso di castagne in Valle, a quel castanicoltore che più si è distinto nella cura e nella  valorizzazione del marrone: un premio alla carriera.

Altro tradizionale concorso è quello delle composizioni, che vede ogni anno i  villarfocchiardesi in gara a chi esprime più fantasia e bravura nell’utilizzare i marroni per creare personaggi e ambientazioni.

Ma la Sagra del Marrone è soprattutto un bagno di folla per la “brusatà”, ovvero per la distribuzione di caldarroste preparate dai “brusatairo”. A guidarli le due figure chiave della festa che si rifanno ad una secolare tradizione paesana: “Perù e Gepa”, ovvero “lo Desbatur” e “la Rapoloira” colui che con lunghe pertiche batteva i ricci sugli alberi per  far cadere in terra le castagne e colei che le raccoglieva.

Fonte: Comune di Villar Focchiardo 

30° FIERA DEL MARRONE

San Giorio di Susa (TO)
Tre giorni dedicati al prodotto autunnale per eccellenza, con stand gastronomici, serate musicali, mercato di prodotti agricoli, artigianali e tipici, mostre di pittura, giochi per bambini e spettacoli.

DATA:  Da Venerdì 25 a Domenica 27 Ottobre 2019

I produttori