Un dolce imperdibile nelle case dei valsusini, un piccolo momento di gioia, una ricetta antica, fatta di ingredienti semplici e profumi inebrianti, ecco perché non dovresti andartene via senza averlo provato..

Ci troviamo in Val di Susa, precisamente a Vaie (Vaje in piemontese), un comune a metà della Valle di Susa posto a ridosso del Monte Pirchiriano sul lato ombroso della valle, terra di castagneti dove viene coltivato il famoso marrone della Val di Susa e patria del canestrello.

Da alcuni anni la festa primaverile di San Pancrazio è l’occasione per promuovere il canestrello, conosciuto dai valligiani già dal medioevo, si tratta di un biscotto tondo, a trama reticolata, dorato, friabile e con un inconfondibile aroma di limone.

Canestrello di Vaie

Un tempo “canestrello” era sinonimo di “festa”. Non tutti possedevano la piastra in ghisa per la cottura di queste deliziose cialdine e quindi, i pochi fortunati ad averla, dovevano spartirla con il vicinato. Anche per questo motivo non era un dolce che veniva prodotto e consumato di frequente, ma solo nelle occasioni di festa: solitamente a San Pancrazio (12 maggio) e a Santa Margherita (20 luglio) (ma a quest’ultima mica sempre perché già si facevano le cipolle ripiene!). Li si conservava in scatole di latta, per farli “durare di più”, aspettare un’altro anno per farne una doverosa scorpacciata era davvero troppo, eh si, perché una volta nessuno li vendeva, ognuno si faceva i suoi, chiedendo in prestito la piastra, ma nei negozi no, non si trovavano.

L’impasto per i canestrelli vaiesi è una “pastafrolla sbagliata”, sbagliata perché il burro viene fuso, prima di essere mescolato a farina, zucchero e uova; a completare la magia un pizzico di lievito e un’abbondante grattugiata di scorza di limone che conferisce al biscotto quell’aroma tipico voluto proprio dalla ricetta tradizionale. Il canestrello, che la ricetta tradizionale lo vuole appunto accompagnato dalle note profumate del limone, è prodotto oggi anche in altre varianti: gianduja, nocciola e miele sono solo alcuni dei gusti con cui puoi trovarlo.

L’impasto ottenuto dalla lavorazione degli ingredienti risulta morbido e liscio, facilmente lavorabile con le mani per formare delle palline che vengono poi schiacciate e cotte nella piastra in ghisa che ne conferisce la tipica forma reticolata. Il nome, dal dialetto canesterlè, significa proprio “formare un reticolo”.

Fiera del canestrello di Vaie

Fiera del canestrello di Vaie

Il Canestrello di Vaie è tra i Prodotti Agroalimentari Tradizionale della Regione Piemonte, ed è marchiato anche Prodotti della Valle di Susa.

Non ti sarà difficile trovarlo nelle panetterie della valle, quindi quando vieni in Val di Susa per una vacanza, non farti scappare l’occasione di assaggiare questa golosità. Noi ne andiamo letteralmente pazze e approfittiamo sempre della fiera di San Pancrazio per fare scorta. Ti invitiamo a passeggiare per Via Roma, quì, dove nacquero le prime panetterie che iniziarono a produrre e vendere il canestrello quì, dove – soprattutto a San Pancrazio – si respira un profumo avvolgente di biscotto dal quale difficilmente riuscirai a sfuggire indifferente.

La ricetta

Il Canestrello di Vaie - Fiera di S.Pancrazio

Fiera del canestrello di Vaie

La fiera di San Pancrazio

Il Canestrello di Vaie - Fiera di S.Pancrazio

I produttori della Val di Susa

Iscriviti alla Newsletter per ricevere ogni mese tutte le novità sulla Val di Susa, a poco a poco ti facciamo scoprire le esperienze che questo meraviglioso territorio ha da offrirti.

Il Canestrello di Vaie - Fiera di S.Pancrazio

Ciao!
Siamo Arianna e Alessandra

Piacere di averti qui, siamo le autrici del blog.
Il nostro obiettivo é quello di rendere la tua esperienza in Valsusa qualcosa di magico e unico. Fotografiamo, raccogliamo idee, scriviamo e poi ci vediamo qui su Visit Val di Susa.